Il diabete di tipo 2 aumenta con il numero di bevande consumate

Anche se la luce bevande dovrebbero limitare il numero di calorie assorbite dai dolcificanti contengono, tuttavia, promuovere il diabete di tipo 2, quasi quanto convenzionale, bevande analcoliche secondo i ricercatori svedesi.Il diabete di tipo 2 aumenta con il numero di bevande consumate

Per limitare l’assunzione di zucchero di soft drink, o gli altri, molte persone preferiscono la loro versione “light”. Ma gli studi scientifici hanno dimostrato negli anni che questa scelta non era più razionale, dal momento che l’interesse nutrizionale di questo tipo di bevanda è limitato.

Secondo le ultime scoperte di ricercatori del Karolinska Institute di Stoccolma mettere in guardia contro il rischio di diabete di tipo 2. Il loro studio , inoltrati da The Guardian , stabilisce che, in due giorni, zuccherati o bevande dolcificate artificialmente doppio di Tale rischio. Maggiore è il numero di bevande al giorno, maggiore è il rischio: cinque zuccherati o bevande light al giorno moltiplica la probabilità di diabete di tipo 2 da 4.5.

Quest’ultimo compare generalmente in persone con più di 40 anni e il suo sviluppo può passare inosservato per un lungo periodo di tempo . Non vi è alcuna causa precisa, ma un insieme di fattori favorendo l’origine genetica e l’ambiente (dieta squilibrata, la mancanza di attività fisica). Alcuni cambiamenti di stile di vita sono raccomandati, spesso accompagnata da antidiabetici orali o iniettabili trattamenti.

Nessuna grande differenza tra i due tipi di bevandeNESSUNA GRANDE DIFFERENZA TRA I DUE TIPI DI BEVANDE

I ricercatori hanno esaminato i pericoli tipici, bevande analcoliche così come la luce, studiando il livello di consumo in 2,874 adulti, la metà dei quali erano diabetici. Oltre al rischio di diabete di tipo 2, moltiplicato per il numero di bevande consumate al giorno, hanno anche scoperto che non c’era grande differenza tra gli effetti nocivi dei tradizionali e bevande analcoliche.

I loro dati mostrano che il 20 centilitres convenzionale drink zuccherato al giorno aumentano il rischio di diabete di tipo 2 del 21%, contro il 18% della luce bevande. La ragione di questo potrebbe essere sul lato di dolcificanti artificiali che contengono le bevande light (aspartame, stevia, sucralosio) per fornire un sapore dolce, senza le calorie.

Il loro ruolo sarebbe duplice, dal momento che potrebbero interferire con il funzionamento di alcuni batteri intestinali , che possa influenzare il metabolismo del glucosio e la sensibilità all’insulina e a lungo andare favoriscono la comparsa di diabete di tipo 2. Ma potrebbero anche essere associato A un maggior senso di fame, che l’avrebbe spinta a consumare alimenti zuccherati.

La “luce” promuove appetence per lo zuccheroLA "LUCE" PROMUOVE APPETENCE PER LO ZUCCHERO

Una tendenza che è già stato detto in altri precedenti studi scientifici, come spiegato in Anses *. In un’opinione pubblica, l’agenzia spiega che “alcuni studi osservazionali mostrano che l’uso di dolcificanti intensi paradossalmente è associato con l’aumento di peso , senza che la causa di questa associazione” .

Su tale base, la commissione ha considerato che “non c’è evidenza per supportare la sostituzione dello zucchero con edulcoranti intensi come parte di una politica di salute pubblica”. In Francia, questo rischio era già stato accusato da Inserm ** nel 2013. in uno studio di 66,188 donne.

Questi studi hanno confermato una relazione tra bevande zuccherate e diabete di tipo 2 e ha rivelato che, contrariamente alla credenza popolare, il rischio è più alto per la luce bevande. “Il rapporto potrebbe essere spiegato, da un lato, da un maggiore appetito per zucchero tra i consumatori di questo tipo di bevanda. D’altra parte, l’aspartame induce un aumento di zucchero nel sangue e di conseguenza un aumento dell’Insulina , paragonabile a quella prodotta da saccarosio, “i ricercatori hanno concluso.

* Agenzia nazionale per la Salute, l’alimentazione, l’ambiente e la Sicurezza sul lavoro

** Istituto nazionale della Sanità e Ricerca Medica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *